Parquet prefinito collezione San Siro Milano

Pavimento in legno maxi plancia. Dimensioni: 14×180/190×1800 mm. Legno nobile: 4mm

Il pavimento in legno ha la grande capacità di regalare atmosfere particolarmente suggestive all’ interno della propria abitazione. Il parquet è diventato determinante per valorizzare e rendere più caldo l’ ambiente con eleganza nelle finiture di interni.

Il nostro parquet prefinito

I nostri pavimenti in legno prefinito che vi mostriamo hanno la caratteristica di essere immediatamente calpestabili. Non richiedono infatti la necessità di essere levigati e verniciati, (al contrario del parquet in massello tradizionale) composto da maxi tavole finite sulla superficie già in fase produttiva.

Il parquet prefinito denominato anche multistrato è differente nella composizione del parquet massiccio. Ogni singola tavola si compone da uno o più strati di supporto sul fondo, realizzato con essenze di legno diverse per dare stabilità e resistenza al pavimento nel tempo, come ad esempio il listellare di pino di Svezia, Abete impiallacciato e uno strato nobile superficiale di legno pregiato ( di calpestio ) con uno spessore minimo di legno nobile da 2,5 mm e i 5 mm, come da normativa UNI EN 13756.

Per la maggior parte dei casi il parquet viene fornito già verniciato, con laccatura opaca trasparente, con indurimento e trattamento a raggi UV, per garantire una maggiore resistenza al calpestio, e quindi pronto per la messa in posa.

Vi mostriamo una delle nostre migliori collezioni di parquet prefinito nel formato maxi

Show room a Milano con oltre 200 tipologie di pavimenti esposti

Pavimenti in parquet esclusivamente fatti in Italia. ecologici con finiture verniciate ad acqua e oliate

Spessori e Dimensioni

Gli spessori dei parquet migliori variano dai 10 ai 14/15 mm ( di cui 3/4 mm di legno massello ) e i listoni raggiungono lunghezze dai 120 ai 200 cm e larghezze dai 9 ai 22 cm.

Per la posa di un pavimento di questo genere bastano un paio di giorni lavorativi, il costo della messa in posa si aggira intorno alle 20 euro al metro quadro, mentre il costo del materiale può andare dalle 50 ai 90 euro al metro quadro circa.

Richiedi preventivo

Il costo naturalmente dipende dalla tipologia di essenza, dalla quantità di strato di legno nobile, dalla finitura e dalla provenienza del legno che lo rendono più o meno pregiato, oltre alle dimensioni dei listoni.

La posa in opera del parquet prefinito

Per quanto riguarda la posa in opera, di regola il parquet a due strati con dimensioni ridotte vengono posati con l’ utilizzo del collante, possibilmente bicomponente, mentre per quelli in multistrato, si preferisce la posa flottante. Per la posa in opera di un parquet flottante è una tecnica di applicazione non necessitante di particolari lavori e costi aggiuntivi di preparazione e soprattutto con la quale non è indispensabile effettuare l’ incollaggio del nuovo pavimento al massetto preesistente.

La posa flottante è spesso impiegata per la salvaguardia di pavimenti preesistenti.

Questa tipologia di parquet è particolarmente consigliata nelle opere di parziale o totale ristrutturazione di interni, perchè la sua messa in posa risulta essere veloce ed economica. Difatti, per istallarlo non è indispensabile demolire il pavimento sottostante, con un risparmio di costi e tempi.

Questa tipologia di posa è ideale, ad esempio, per appartamenti, uffici, negozi in affitto, dove al termine della locazione, il pavimento in parquet prefinito istallato con posa flottante può essere rimosso senza arrecare danni al pavimento sottostante come da origine.

Ovviamente la posa in opera di un pavimento nuovo sul preesistente implica il taglio delle porte e dei telai per il maggiore spessore. Non esiste molta differenza tra le due tipologie di istallazione per sicurezza e validità: semplicemente ci sono delle piccole attenzioni da prendere in considerazione: per la posa ad incollo si consiglia di usare collanti a basso impatto ambientale, ( colla ecologica ) ad oggi la più impiegata. Nel caso della posa flottante, bisogna tenere in considerazione il problema del rumore di calpestio, si consiglia l’ utilizzo di un buon materassino assorbente di puliuretano espanso da mm 2, con funzione fonoassorbente.

Geometrie di posa

Posa a correre – posa diagonale – posa spina pesce

La posa in opera più impiegata per i listoni di parquet prefinito è la posa a correre

Battiscopa in legno

A completamento della pavimentazione vi mostriamo i battiscopa consigliati.

Per tutte le collezioni e tipologia di battiscopa in legno vi invitiamo a venirci a trovare presso il nostro punto vendita di Milano.

Parquet: manutenzione e pulizia

Ecco come pulire e trattare il pavimento in legno per farlo durare bene e a lungo.

Pulito Parquet: 

Detergente specifico per una manutenzione ordinaria, delicatamente profumato, ph neutro. Grazie al contenuto in cera deterge e contemporaneamente ravviva la superficie del legno trattato con qualsiasi tipologia di finitura. Non necessita di risciacquo. Biodegradabile  a norma di legge. Acquista

Saniparquet:

Detergente igenizzante specifico per la pulizia di pavimenti in legno laddove siano presenti animali domestici. Particolarmente profumato deterge e igienizza senza lasciare aloni. Adatto a pavimentazioni trattate con qualsiasi tipologia di finitura. Non necessita di risciacquo. Biodegradabile a norma di legge.

Deteroil:

Detergente naturale specifico per la manutenzione ordinaria di pavimenti in legno trattati con oli impregnanti ed in particolare con prodotti impregnanti colorati. Formulato con tensioattivi a base di sapone di cocco deterge e nutre il legno.

Biodegradabile a norma di legge.

Iro:

Miscela pronta all’ uso di oli e cere naturali per una facile e veloce manutenzione periodica delle superfici oleate. Mantiene l’ aspetto originale del pavimento evitando l’ usura del trattamento.

Parquet: lamatura e verniciatura per rimetterlo a nuovo

Il parquet ha una caratteristica che lo rende speciale nel suo genere: può essere sempre riportato a nuovo e allo stato originario con l’ intervento di manutenzione: lamatura o levigatura.

Fra le molteplici soluzioni di pavimentazioni oggi disponibili sul mercato il pavimento in legno è la più apprezzata in ambienti domestici, grazie alla sua bellezza e calore che dona agli ambienti. I parquet si differenziano dalle altre soluzioni di pavimenti in genere anche per una caratteristica del tutto unica: la possibilità, in caso si presentino eccessivamente rovinati, di riportarli allo splendore iniziale.

Questo grazie al fatto che il parquet in legno è un materiale vivo e permette di intervenire su di esso tramite la levigatura o lamatura; grazie a questa tipologia di lavorazione si riescono ad eliminare completamente graffi, macchie e qualsiasi altro segno di usura dal calpestio e tempo.

La lavorazione consiste in due fasi, la prima è la levigatura vera e propria del pavimento, mediante carte abrasive con della grana grossa per arrivare alla più fine, nei svariati passaggi di levigatura si effettua la stuccatura per chiudere tutte le eventuali fessurazioni tra le doghe. Mentre la seconda è la realizzazione di un nuovo strato di finitura.

Il nostro consiglio è di rivolgervi a Noi che siamo professionisti, anche perchè affidandovi al caso… si corre il rischio di danneggiare seriamente il parquet.

Entrando più nel dettaglio l’ operazione di lamatura consiste nell’ asportazione dello strato superficiale di verniciatura e nella rimozione di pochi decimi di millimetro dello strato di legno nobile. Questa lavorazione può essere eseguita quindi su ogni tipo di parquet purchè sia di legno, anche se ci sono delle differenze in base al pavimento da trattare. Un parquet prefinito, di cui il suo spessore di legno nobile è inferiore a quello di un parquet tradizionale in massello, potrà supportare da 2 a 4 levigature, mentre nel caso di un parquet tradizionale in legno massiccio potrà supportare dai 8 ai 12 interventi.

Per poter eseguire la lamatura del parquet e rimessa a nuovo dello stesso i locali devono essere necessariamente liberi e privi di mobilia, poichè è necessario lavorare su tutta la superficie della pavimentazione. Il costo della lamatura e verniciatura si aggira dai 18 ai 22 euro al mq, anche in relazione alla tipologia di finitura scelta.

Vi spieghiamo come rimettiamo a nuovi i parquet con la lamatura e verniciatura

Vediamo nel dettaglio come interveniamo e le varie fasi di lavorazione:

Inizialmente verifichiamo la stabilità del pavimento, controlliamo la presenza di eventuali elementi mobili. Nel caso procediamo con le riparazioni localizzate e/o sostituzione delle parti ammalorate che altrimenti potrebbero saltare al passaggio della macchina levigatrice.

Sgrossatura generale del pavimento.

Sgrossatura denominata la prima fase di lamatura, effettuata con l’ ausilio di una macchina levigatrice alla quale vengono montati nastri abrasivi a grana grossa.

Si effettuano n. 2 passate incrociate partendo dal centro della stanza e procedendo verso il fondo dei bordi perimetrali. Si rimuovono gli strati di finitura esistenti, graffi presenti e si livellano eventuali irregolarità e dislivelli del pavimento.

Levigatura:

Vale a dire la seconda lamatura, effettuata con un passaggio utilizzando un nastro abrasivo di grana media ( grana 60 ). Di conseguenza si ottiene una superficie liscia e planare.

Stuccatura:

La stuccatura è essenziale per chiudere le fughe tra le varie doghe. Si eseguono una o più mani con una spatola stendendo un impasto formato da un legante e la stessa polvere di legno asportata in precedenza.

Levigatura e Carteggiatura:

Viene eseguita con una grana molto fine ( grana 100 e 220 ) effettuata per la rimozione dello stucco in eccesso. Si ottiene la superficie finale pronta a ricevere lo strato di finitura.

Finitura:

La finitura finale può essere scelta fra vernice ad acqua oppure a vernice poliuretanica tradizionale, forma un sottile strato impermeabile, facile da mantenere e pulire. Può essere scelta nella finitura lucida, semilucida e opaca. Finitura a cera, lascia respirare il legno e ne esalta la tonalità. Richiede molta più manutenzione poichè  scurisce con il tempo e deve essere riapplicata periodicamente.

Finitura ad olio permette al legno di respirare, non chiudendo i pori, e regala un aspetto particolarmente caldo e naturale, richiede una maggiore manutenzione delle finiture a vernice, ma inferiore di quella a cera.